Sognare dietro le sbarre

Il sognare è un pensiero Bellissimo che non tutti possono assaporare, e fa scorrere indietro
la vita come una registrazione vista tanto tempo fa ma nel momento che la metti a fuoco
nella tua mente sei trasportato in un altro mondo, di cose tutte belle, non esistono
momenti brutti persone cattive ma tutto unico.

Quante persone come me hanno sognato momenti passati con i propri cari, rivedere soprattutto famigliari, amici e anche animali avuti e non dimenticati.
Il sognare qualcuno, qualcosa, tante volte è un preavviso della giornata che sta per iniziare.
Più delle volte succede veramente, a voi non è mai successo? Vedersi con la persona Amata
soprattutto all’inizio della storia che poi diventò vero Amore.
Rivedere il momento della nascita dei propri figli, quasi sembra realistico ma è un sogno
ma entra nella persona, senti ancora dei brividi e ti si inumidiscono gli occhi di contentezza
e la tua persona si sente diverso; sì sono diventato Papà.
Il giorno delle tue nozze, chi può dimenticare il momento della svolta della tua vita?
Insomma il bello del sognare è un momento bello che ti fa star bene con te stesso
e soprattutto ti fa credere che la vita continua e non sarà più la stessa.

La realtà è ben diversa, capisco da sveglio che il sogno mi ha fatto tornare lì nel mio angolo di mondo dove io stavo bene.
Dopo la notte trascorsa nel tempo, a essere il protagonista di questo film meraviglioso torno
con i piedi per terra, nella cella che mi ospita da svariato tempo e guardandomi in giro
mi rendo conto che tutto quello che ho oggi l’ho voluto io; con le mie cazzate mi sono perso
altri momenti che non ho potuto vedere nel mio sogno.
Sono un detenuto come voi, quante persone staranno leggendo emozioni mai scritte, oggi le
potete leggere, ho voluto condividere questi miei sogni, e sono sicuro che ognuno di voi sogna
come tutti gli umani, anzi sicuramente noi che siamo dietro le sbarre cerchiamo di immaginare
fuori in liberà come potrà essere.
Certamente la maggior parte delle persone come me vuole cambiare la logica della vita, soprattutto
il vedere le cose in modo diverso
perché sappiamo solo noi cosa abbiamo passato in questa nostra detenzione da dimenticare però ci ha insegnato anche delle cose della vita che puoi solo imparare in carcere.

Franco C.

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina “La Fenice – Il giornale dal carcere di Ivrea

Autore dell'articolo: feniceadmin