La giustizia è uguale per tutti?

O è solo una scritta senza significato?

Oggi parliamo della giustizia che regna in Italia…
Secondo voi in Italia la legge è uguale per tutti??
Molti di voi sicuramente saranno stati dentro ad un’aula di tribunale… se notate dietro al giudice, c’è una scritta che c’è scritto: LA LEGGE è UGUALE PER TUTTI … così scrivono! Ma in realtà?….non penso proprio che sia così!
Come possiamo apprendere da giornali, tv, radio, e altri notiziari, possiamo capire che non è veramente così come scritto… purtroppo moltissime volte vengono fatti degli errori mostruosi dove molta gente finisce anche in carcere da innocente… con pene alte o basse esse siano. Ma la domanda mi sorge spontanea: Se sono innocente, PERCHé DEVO FINIRE IN CARCERE? COSA HO FATTO PER MERITARLO?
Questa è una domanda che migliaia di persone si pongono, e molte volte purtroppo non ci sono risposte!!
Tutto ciò per colpa degli organi dello Stato, i quali svolgono le indagini o accertamenti su fatti che capitano.
Io per mia sfortuna ho assistito a parecchi processi che svolgono nelle aule dei tribunali, (NON ERO IO L’INTERESSATO IN QUESTIONE), e ascoltando parlare avvocati, pm, giudici, ti rendi conto di molte cose… basta solo ascoltarle bene e molte volte si capisce la realtà dei fatti, di come stanno veramente le cose in Italia.
Io personalmente ho assistito a un udienza di una persona che conosco, e ho potuto notare nell’aula del tribunale “ che la legge non è uguale per tutti”, ve lo garantisco in quanto un mio carissimo amico nel 2009 si trovò solo al momento sbagliato e al posto sbagliato, successe una rapina e lui pur rimanendo lì all’arrivo della Polizia viene fermato, con l’accusa d’essere coinvolto in quella rapina, ma il dato di fatto e che non era così… perché lui era solo lì fermo per prendere un pacchetto di sigarette…. Ecco, questa e stata la sua colpa!!
E stato prelevato dalla Polizia, arrestato, processato e tradotto in carcere da innocente, rimanendo recluso per 4 giorni, dopodiché messo agli arresti domiciliari.
Dopo mesi e mesi tramite riprese di telecamere, testimonianze di amici e da molti altri giunti lì sul posto quel giorno e dal padrone della tabaccheria, alla fine è venuta a galla la verità, la verità è che le forze dell’ordine hanno commesso un enorme errore nei confronti di questo ragazzo di malapena 19 anni.
Le conseguenze create da questo clamoroso arresto?? Eccole…
“I genitori spaventatissimi al ricevimento della notizia del suo arresto, il malessere psicologico che ha dovuto subire lui, in quanto scioccato di tutto ciò che stava accadendo realmente, la privazione della sua libertà, la sua dignità, ha dovuto sostenere spese legali, ecc….ecc….
E VOI QUESTA LA CHIAMATE GIUSTIZIA? IO PERSONALMENTE NO!
Le forze dell’ordine che svolgono le indagini sui fatti che accadono molte volte si accertano solo relativamente, al posto di approfondire con certezza e coerenza dei fatti realmente accaduti, analizzando pezzo per pezzo, ma loro la fanno facile a raccogliere qualche indizio, qualche elemento….giusto solo da mostrare al Giudice per far vedere che hanno fatto il loro lavoro, ma è un lavoro fatto male, che porta solo ad avere vere e proprie INGIUSTIZIE come arresti, farti fare il processo ANCHE DA INNOCENTE, loro non sanno o non se ne rendono conto, che facendo così giocano solo con le VITE UMANE di persone, privando la libertà ad un’innocente.
Quindi lo Stato, gli agenti dello Stato, sono loro che dovrebbero per prima fare attenzione a quello che fanno, perché nel caso del mio caro amico gli hanno rovinato la vita, in quanto rimasto traumatizzato per tutto quello che ha passato.
E ricordatevi sempre una cosa: “ESSERE RECLUSI IN UN CARCERE ANCHE SOLO UN GIORNO TI LEVA LA DIGNITA’ E QUEL GIORNO CHE VIENI PRIVATO DELLA TUA LIBERTA’ DA INNOCENTE E’ SEMPRE UN GIORNO DELLA TUA VITA CHE PERDI.”

Vi ho voluto raccontare questa storia, per il semplice fatto che in Italia non c’è un governo, una magistratura che rispetti sempre la scritta che troviamo all’ingresso e nelle aule di giustizie.
Spero di non avervi annoiato, con questo articolo, ma era una cosa che tenevo troppo dentro di me, e molte volte sentendo la tv, leggendo i giornali, ancora a oggi che siamo nel 2020 le cose non cambiano per niente.

Ora vi saluto e alla prossima!!!!

M.O.CARLO

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina la fenice – il giornale dal carcere di ivrea

Autore dell'articolo: feniceadmin