Tutto il nostro mondo si basa sulla speranza

Buongiorno, eccomi nuovamente qui con un nuovo articolo.
Oggi vi voglio raccontare il mondo di un detenuto ristretto che vive con la speranza.
Per prima cosa il nostro mondo da internati si basa sempre sulla speranza…. È un pensiero giornaliero, e su ciò non c’è ombra di dubbio!!
Ogni detenuto in ogni istante della giornata vive con il pensiero “ma oggi uscirò”?
Beh, è un pensiero molto comune fra noi tutti internati che nasce al mattino all’alba quando apri gli occhi e dura fino alla sera che ti corichi in branda e chiudi gli occhi.
Naturalmente vivere ogni santissimo giorno con questo pensiero dopo un po’ diventa veramente pesante!!!
Quando ti senti chiamare per cognome dagli assistenti in servizio in rotonda che ti dicono; “vai, devi scendere in MATRICOLA”, il pensiero primario è “finalmente mi sarà arrivata la libertà…. E quindi ti metti le scarpe velocemente per scendere, capita a volte che ti fanno attendere in una saletta senza dirti nulla, li sì che il cuore incomincia a battere a mille, i pensieri volano, ti fai mille domande…. poi finalmente arriva il momento che ti chiamano…. Tu entri tutto pieno di speranza, e poi?? Ti dicono solo “dobbiamo farti una notifica”, allora lì sì che il mondo ti crolla addosso, e quella piccola speranza che si era accesa dentro di noi in un istante si spegne completamente delusi… Brutta delusione…. Già!!!
Tutti i giorni si parla di quando saremo scarcerati, rimessi in libertà, ma tra il dirlo e il vederlo accadere è veramente dura!!!
Quando entri qui, e come entrare in un “tunnel dove devi fare migliaia di km per poter incominciare a vedere un spiraglio di luce”, un tunnel molto lungo, buio, difficile da affrontare. Eppure prima o poi ce la faremo a ritornare liberi, a goderci la nostra libertà che per anni, mesi, ci è stata tolta dallo Stato.
L’unica cosa è che ci vuole solo tanta forza e pazienza… perché senza questi due requisiti fare una carcerazione diventa veramente un’impresa ardua, anche se moltissime volte si vedono cose non giuste e non si può replicare per evitare scontri, quindi vedi, taci, e tieni dentro tutto anche se il nervoso sale a mille e vorresti fare casino…. Ma non si può!!
QUESTO E’ IL PENSIERO Dl OGNI DETENUTO DAL MATTINO FINO ALLA SERA.
Spero che sia di vostro gradimento!
Ci sentiamo al più presto.

Alessio P.

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina la fenice – il giornale dal carcere di ivrea

Autore dell'articolo: feniceadmin