Laika, dopo 2 anni

Dopo 2 anni finalmente posso dire di essere rilassato con me stesso, anche perché dopo che mi sono preso le mie responsabilità qui in carcere, avevo bisogno di tranquillità, sia dal punto di vista mentale che morale.

Come raccontavo, quando ho dovuto lasciare l’affetto più grande che ho, la mia Laika, la sofferenza mi stava per stravolgere già in partenza. Laika il mio cane, vi ricordate? per me è “la mia creatura”.
Laika mi ha saputo prendere fin da subito, ha saputo relazionarsi e apprendere molto presto. Il suo coinvolgimento anche nel saper stupire con ciò che imparava e soprattutto il suo modo di coccolare e dare affetto ha fatto di lei la cosa più preziosa oltre mia madre.
Mi ha soddisfatto più la mia Laika che 25 anni di matrimonio con la mia ex moglie. La sorpresa del suo modo imprevedibile di come è entrata nella mia vita è stato qualcosa di eccezionale, e non solo per me.

Come dicevo quando sono entrato qui, avevo un immenso bisogno di qualcuno che si prendesse cura di lei. Grazie al cielo conobbi Gabriella, che mi ha fatto il favore di adottare temporaneamente Laika.
Quando esco sono sicuro che andrò a casa con il taxi e la prima fermata sarà andare a prendere la mia dolcissima Laika, che ancora oggi mi manca da morire, non vedo l’ora di giocare con lei e di vederla, e continuare assieme questa vita.
Gabriella ogni mese manda sue notizie e le foto, e oltre il suo aiuto mia sorella le porta tutto ciò di cui ha bisogno e mi racconta, quando facciamo i colloqui, che la Laika sta bene. Di sicuro si sta divertendo con Gabriella, mia sorella, mio fratello e al parco con altri cani.
Speriamo che quando esco mi riconosca, ma di sicuro sì, riconoscerà il mio profumo.

Tommaso R

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina la fenice – il giornale dal carcere di ivrea

Autore dell'articolo: feniceadmin